Home Zibaldone Medicina e Dintorni. Diabete: ok alla frutta fresca no ai succhi

Medicina e Dintorni. Diabete: ok alla frutta fresca no ai succhi

E-mail Stampa PDF
Share

Medicina e Dintorni

Rubrica fissa su temi di interesse medico

a cura del Dott. Accursio Miraglia

Diabete: ok alla frutta fresca no ai succhi

Quello tra frutta e diabete è un rapporto tormentato, condito da una serie di falsi miti e leggende metropolitane.

 

Anche se sono ormai lontani i tempi in cui la mela renetta era l'unico frutto consigliato ai diabetici, ancora troppo spesso si sente dire che queste persone dovrebbero astenersi dal consumo di frutta o, almeno, di evitare le varietà più dolci o zuccherine, preferendo quelle a basso indice glicemico.

In realtà, quando si parla di frutta e diabete, non esistono divieti assoluti: è vero che alcuni frutti contengono una maggiore percentuale di zuccheri, ma ciò non giustifica un loro completo allontanamento dalla tavola del diabetico. Non bisogna infatti dimenticare che la quantità totale di zuccheri ricavati da una porzione di un determinato cibo (carico glicemico) è spesso più importante della loro qualità (indice glicemico). Non è, quindi, importante quanto sia zuccherina una frutta, ma la reale quantità di zucchero contenuta in una porzione. L’anguria, per esempio, è molto zuccherina ed ha un indice glicemico alto, ma è composta per il 90% di acqua e solo per il 7% da zuccheri. Per questa ragione, pur avendo un indice glicemico alto ha un basso carico glicemico, ed è impossibile che una porzione normale possa alterare in modo significativo la glicemia.

Ne deriva, quindi, che anche la frutta zuccherina può essere consumata dai diabetici che, anzi, dovrebbero consumare senza paura la frutta fresca. Lo dimostra uno studio pubblicato su Plos Medicine da un gruppo di ricercatori dell’Università di Oxford. Fra il 2004 e il 2008 gli scienziati hanno analizzato i dati di circa 500.000 soggetti fra i 30 e i 79 anni provenienti da ogni parte della Cina, sottoponendoli a test clinici e somministrando loro diversi questionari sulle loro abitudini alimentari. È emerso che fra le persone sane all’inizio dello studio il consumo di frutta fresca ha avuto l’effetto di ridurre il rischio di diabete del 12 per cento. Chi era già diabetico, invece, ha visto abbassarsi del 17 per cento il rischio di morte precoce mangiando frutta fresca per più di 3 volte alla settimana. Meno frequenti anche le complicanze, in particolare le malattie cardiovascolari.

Occorre puntualizzare, però, che l’effetto positivo è legato esclusivamente al consumo della frutta fresca, mentre rimane sconsigliato il consumo di succhi di frutta, come dimostrato da uno studio della Harvard School of Public Health, pubblicato sul British Medical Journal. Consumare un maggior numero di frutti interi, in particolare mirtilli, mele e uva, comporta, secondo questa ricerca, una riduzione delle probabilità di insorgenza del diabete di tipo 2, mentre l'effetto è quello opposto in caso di consumo di succhi di frutta.

JoAnn Manson, docente di medicina ad Harvard e coautrice dell'articolo, spiega: «I frutti sono ricchi di fibre, antiossidanti e sostanze fitochimiche che possono avere effetti benefici sulla salute. E aumentarne il consumo giova alla prevenzione primaria di molte malattie croniche, tra cui diabete di tipo 2, anche se gli studi epidemiologici offrono risultati discordanti in questo senso».

L'analisi ha preso in esame tre grandi studi prospettici che hanno coinvolto un totale di 180 mila persone, valutando l'effetto di singoli frutti come le pesche, l'uva, le prugne, le albicocche e altri rispetto a quello prodotto dai succhi di frutta: «Chi aveva mangiato almeno due porzioni a settimana di alcuni frutti interi come mirtilli, uva e mele, aveva un rischio di diabete di tipo 2 ridotto del 23% rispetto a coloro che ne consumavano meno di una porzione al mese. Viceversa, tra chi assumeva una o più porzioni di succo di frutta al giorno le probabilità aumentavano del 21%», ha spiegato la ricercatrice statunitense, che ha così concluso: «I nostri dati confermano l'attuale indirizzo sull'aumento del consumo di frutta intera, e non di succhi di frutta, come misura per la prevenzione del diabete».

Ultimo aggiornamento ( Martedì 16 Maggio 2017 14:36 )  

Ultime News

Il meteo a Sciacca

Informativa sui Cookie Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di “terze parti”. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa. L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information